Blog

Proteggersi dalla legionella: consigli e misure preventive

Le norme per prevenire e controllare la legionellosi, richiedono che le misure preventive siano continuamente esaminate e applicate durante la progettazione, l’installazione, il funzionamento e la manutenzione di edifici e impianti a rischio.

Il processo di controllo

Il processo di controllo è suddiviso in tre fasi:

Valutazione del pericolo: si analizzano le caratteristiche degli edifici interessati, in cui può essere presente la legionella.

Gestione del pericolo: si pianificano una serie di interventi per eliminare o limitare i pericoli di contaminazione.

Comunicazione del pericolo: azioni culturali, formative o informative rivolte ai soggetti esposti al rischio potenziale.

Come effettuare il controllo

➡️ Il controllo della legionella deve essere effettuato da personale qualificato e competente, incaricato dal responsabile della struttura o dell’impianto.

➡️ Questo personale può includere tecnici specializzati in igiene e sicurezza delle acque.

➡️ La verifica deve essere effettuata regolarmente, in base alle specifiche del sito e alle linee guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi.

➡️ Il responsabile della struttura è inoltre tenuto a mantenere un registro dettagliato delle verifiche effettuate e a comunicare i risultati al personale e agli altri stakeholders coinvolti.

Scopri la nostra selezione di Analisi

Attività coinvolte

Per controllare il rischio di legionellosi, è importante valutare e gestire il potenziale pericolo in tutte le attività che coinvolgono l’utilizzo di acqua calda, ad esempio:

  1. Sistemi di riscaldamento dell’acqua calda sanitaria: compresi boiler, scaldabagni, impianti di climatizzazione e sistemi di riscaldamento centralizzati.
  2. Strutture ricettive: alberghi, campeggi, piscine, spas e altre strutture che forniscono acqua calda per il bagno o per l’utilizzo.
  3. Edifici pubblici: scuole, ospedali, palestre e altre strutture pubbliche che utilizzano acqua calda.
  4. Edifici industriali: comprese fabbriche, impianti chimici e altre attività industriali che utilizzano acqua calda.
  5. Impianti di nebulizzazione: comprese fontane, sistemi di umidificazione e altre attività che utilizzano acqua nebulizzata.

La tua Attività è tra quelle elencate?

Compila il form per ricevere consulenza gratuita

Condividi:

Acquista la tua analisi online

Con Arace Laboratori puoi prenotare ed acquistare le tue analisi o campionamenti direttamente online attraverso il nostro shop online.

Altri articoli

Monitoraggio dell’Acrilammide nelle Aziende Alimentari

Cos’è l’Acrilammide? L’acrilammide è una sostanza chimica nota per la sua natura genotossica e cancerogena. La sua pericolosità è stata, nel tempo, ampiamente accertata grazie a valutazioni scientifiche condotte da istituzioni autorevoli. Tra queste, spiccano il Comitato Congiunto FAO/OMS sugli Additivi Alimentari (JECFA) e l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA). Questa sostanza si genera

Gestione Rifiuti – Nuovo Aggiornamento UNI 10802:2023

Il 2023 ha segnato un periodo di notevoli innovazioni per il settore della gestione dei rifiuti, con l’introduzione della recente versione della direttiva UNI 10802, ufficializzata il 5 ottobre.   Questo documento normativo si concentra sul prelievo dei rifiuti e sulla preparazione degli eluati destinati alle analisi successive. La UNI 10802 rappresenta un punto di riferimento

Vini : Nuovo regolamento UE 2012/2117 sull’etichettatura

Un importante cambiamento nelle regole di etichettatura dei vini e dei prodotti vitivinicoli aromatizzati entrerà in vigore a partire dall’8 dicembre 2023. Secondo il Regolamento dell’Unione Europea (UE) 2021/2117, tali prodotti saranno equiparati a alimenti per quanto riguarda le informazioni da fornire ai consumatori finali. Questo provvedimento, operativo per i vini e i prodotti vitivinicoli

Acque di Balneazione : Puglia al primo posto in Italia

Per il  terzo anno consecutivo la Puglia si conferma prima in Italia per l’eccellente qualità delle acque di balneazione.  Il punteggio raggiunto è del 99,8% di conformità. Al secondo posto la Sardegna con il 99,3%, seguita a ruota dalla Toscana 98,6% e dal Molise 98,5%. Questi risultati sono stati ottenuti grazie a rigorose analisi microbiologiche

🎉 Iscriviti alla nostra newsletter 🎉

Potrai ricevere aggiornamenti 📰 e sconti esclusivi 🌟!

Nota: sarai iscritto alla newsletter solamente se spunti entrambe le caselle sottostanti.

Consenso GDPR